Akai Pro Lancia MPC Stems: Una Rivoluzione nel Sampling

Akai Professional, nota per la sua lunga storia nell’innovazione tecnologica di campionamento, ha recentemente introdotto una funzionalità rivoluzionaria per la sua linea di hardware e software MPC: MPC Stems. Questa nuova funzione è destinata a rivoluzionare il processo di campionamento attraverso l’uso della tecnologia di separazione degli stems, decomponendo i campioni in diversi elementi musicali, come vocali, basso, batteria e musica.

Da decenni, il campionamento è una componente fondamentale nella produzione di musica hip hop ed elettronica, che coinvolge l’estrazione di frammenti da una canzone registrata per riutilizzarli in una nuova composizione. Questo processo, noto come “crate digging”, è evoluto nel tempo diventando una vera e propria arte, padroneggiata da generazioni di produttori rinomati.

Con MPC Stems, Akai Pro facilita e accelera il workflow di campionamento, permettendo ai produttori di separare qualsiasi campione nei suoi componenti di drum, basso, musica e voci con una qualità impeccabile. Questo offre ai beatmaker un controllo maggiore per modificare il tono, stratificare, processare o rimuovere gli stems individualmente, mantenendo al contempo la coesione del campione originale.

In un video introduttivo su YouTube, Akai dimostra come questa tecnologia semplifichi il processo di taglio dei campioni e la costruzione di ritmi unici manipolando gli strati isolati degli stems. Con questa nuova tecnologia, il campionamento entra in una nuova era di sperimentazione e personalizzazione, dando ai produttori la possibilità di scoprire nuove possibilità creative da vecchie registrazioni.

La funzione MPC Stems sarà disponibile per prima nel software MPC a partire da febbraio 2024 e successivamente nei modelli standalone MPC al prezzo di $9.99. La tecnologia di separazione degli stems sarà integrata nell’

attrezzatura iconica di Akai, proiettando il campionamento in una nuova era sia come arte che come scienza per la prossima generazione di produttori.

Con MPC Stems, Akai Pro apre la “scatola di Pandora”, integrando senza soluzione di continuità la separazione degli stems nel workflow MPC. Questa innovazione non solo offre una qualità del suono superiore, ma migliora anche la velocità del processo di campionamento, portando i produttori e i beatmaker in una nuova era di creatività nel campionamento.

Questo sviluppo è particolarmente significativo in quanto non solo migliora il workflow esistente, ma amplia anche le possibilità creative per i produttori di tutti i livelli. La tecnologia è posizionata per assistere sia i produttori emergenti che quelli esperti a scoprire nuove possibilità creative da vecchie registrazioni. I musicisti possono creare tracce veramente originali attraverso il mix degli stems, piuttosto che limitarsi a piccoli frammenti di brani esistenti. Questa tecnologia ha anche un grande caso d’uso nei set dal vivo.

In conclusione, MPC Stems segna un importante passo avanti per Akai Professional nel campo del campionamento e della produzione musicale. Con il lancio previsto per marzo 2024, questa funzionalità è destinata a cambiare il modo in cui i produttori interagiscono con i campioni e creano musica, consolidando ulteriormente la posizione di Akai come leader nel settore​​​​​​​​​​.

Per maggiori informazioni, visita il sito ufficiale di Akai Pro MPC Stems.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dj-pro.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it