I 5 migliori diffusori multiroom per la tua casa: guida all’acquisto

Se sei alla ricerca di un sistema audio versatile e coinvolgente per trasformare la tua casa in un’esperienza sonora completa, allora la nostra guida ai migliori diffusori multiroom è ciò che fa per te. Grazie alla tecnologia avanzata e alle connessioni wireless, gli altoparlanti multiroom ti permettono di godere della musica in ogni stanza, sincronizzando e controllando facilmente la riproduzione da un’unica app. In questa guida, esploreremo le caratteristiche chiave da considerare, i marchi più affidabili e le opzioni di connettività disponibili, in modo da poter fare una scelta informata per creare un sistema audio multiroom su misura per le tue esigenze.

Con l’ampia diffusione delle connessioni wireless, i diffusori multiroom stanno rapidamente conquistando il mercato. Ora è semplice dotare ogni stanza della casa di un suono avvolgente o creare un sistema stereo. I produttori hanno colto questa tendenza e continuano ad ampliare le proprie linee di diffusori multiroom, offrendo opzioni adatte a ogni tipo di budget, da modelli accessibili a meno di 200€ a lussuosi altoparlanti Bluetooth che superano i 1500€.

E’ importante fare una scelta ponderata quando si seleziona un diffusore multiroom. Optare per un marchio implica un impegno a lungo termine, poiché i produttori tendono a mantenere le proprie apparecchiature limitate all’ecosistema del marchio.

Questa guida all’acquisto è stata creata appositamente per aiutarti a selezionare i tuoi futuri diffusori multiroom. Abbiamo accuratamente scelto 5 modelli di spicco, riconosciuti per le loro qualità distintive. Inoltre, ti forniremo i criteri chiave da valutare attentamente prima di effettuare qualsiasi acquisto, tra cui connettività, prezzo, funzionalità e altro ancora.

1. Audio Pro A10

Offerta
Audio Pro Altoparlante Wireless Multiroom - Cassa Portatile con Controllo Vocale - Dimensioni Compatte per un Suono Potente - Amazon Alexa - Hi-Fi, WiFi, Bluetooth A10 - Grigio Scuro
  • Non lasciarti ingannare dal design compatto dalle linee morbide, è piccolo ma potente: Una cassa senza fili e...
  • Ascolta la tua playlist o radio preferita con un semplice clic: Quattro tasti di preselezione ti consentono un...
  • La cassa che non occupa spazio in casa: La puoi montare sulla parete grazie alla sua dimensione modesta e al design...

Significativamente più economico rispetto ai modelli di fascia superiore Addon C3 e Addon C5, l’A10 di Audio Pro incarna perfettamente la volontà di apertura e accessibilità che l’azienda svedese ha dimostrato negli ultimi anni. Pur cercando di allontanarsi dalla propria “nicchia” di mercato, Audio Pro non tradisce le proprie origini.

Il diffusore multiroom Audio Pro A10 è rivestito in un tessuto acustico e presenta un design sobrio e moderno. Con un diametro circolare di 140 mm e un’altezza di 193 mm, si adatta perfettamente a qualsiasi ambiente domestico grazie alle sue dimensioni compatte. Il produttore nordico ha incluso nella confezione anche un supporto a parete inclinabile.

La parte superiore dell’Audio Pro A10 è dotata di numerosi controlli per la gestione dell’accoppiamento, dell’uscita e persino di quattro preset. Oltre alla connessione Bluetooth 4.0 e Wi-Fi 2,4 GHz, è presente anche un’uscita cablata da 3,5 mm. Tuttavia, le opzioni di connessione cablata risultano limitate, ad esempio non è possibile utilizzare una chiavetta USB. La connessione wireless è la protagonista qui.

Uno dei punti critici spesso riscontrati negli altoparlanti multiroom sono le relative app dedicate. Anche l’Audio Pro A10 non fa eccezione. Nonostante offra accesso ai principali servizi di streaming come Deezer, Tidal, Spotify e altri, l’app Audio Pro rimane semplice ed essenziale dal punto di vista delle funzionalità.

Nonostante le sue dimensioni compatte, l’Audio Pro A10 offre un’esperienza sonora di grande impatto. Questo diffusore multiroom svedese presenta un driver per bassi/midrange da 76 mm, un tweeter da 30 mm per gli alti e due radiatori passivi da 110 mm. Grazie alla disposizione che copre un angolo di 180°, il suono si diffonde in modo uniforme in tutta la stanza. I bassi sono particolarmente ben resi su questo modello, anche se a discapito di una resa meno pronunciata degli alti. Il risultato è un suono incisivo che potrebbe non incontrare il gusto di tutti gli utenti.

Pro

  • Eccellenza nel design, nelle finiture
  • Più compatto dei concorrenti
  • Montaggio a parete già previsto
  • Controlli fisici accessibili
  • Riproduzione audio di buona qualità

Contro

  • Scena sonora che manca di ampiezza
  • Bluetooth 4.0, Airplay di prima generazione
  • Un’applicazione poco convincente

2. Sonos One SL

Sonos One SL - Wireless Speaker Black
  • Il potente altoparlante senza microfoni per ascoltare musica e altro ancora.

Se ti è piaciuto l’aspetto del Sonos One, allora apprezzerai il suo gemello identico al 99%. Le dimensioni rimangono le stesse, con una misura di 161 x 119 x 119 mm. Il design rimane squadrato con bordi arrotondati, caratteristico della One. L’unico cambiamento visibile è la rimozione del pulsante a sfioramento per il controllo dei microfoni, precedentemente posizionato nella parte superiore del dispositivo. Il touchpad rimane invariato. Sul retro dell’altoparlante è ancora presente una porta Ethernet RJ45, ma mancano qualsiasi ingresso ausiliario e la connettività Bluetooth è assente per gli utenti non abbonati.

Da quando è iniziato il nuovo millennio, Sonos ha avuto tutto il tempo per perfezionare il funzionamento del suo sistema multiroom. L’applicazione dedicata, compatibile con Android e iOS, è considerata una delle migliori sul mercato. Dalla configurazione iniziale all’uso quotidiano, tutto funziona in modo fluido. È possibile accedere a oltre 30 servizi di streaming online e gli utenti delle soluzioni Apple possono godere anche di AirPlay 2.

Sebbene l’One SL non sia uno degli altoparlanti più acclamati di Sonos, nonostante le sue dimensioni compatte, è in grado di produrre un suono vigoroso. La sua firma sonora bilanciata gli consente di adattarsi a diversi generi musicali senza problemi, anche se potrebbe non piacere a tutti. Non raggiunge la stessa profondità sonora dei modelli più costosi, ma si adatta bene a un prodotto di questa fascia di prezzo. Collegato in modalità stereo o abbinato a una soundbar PlayBar, sarà in grado di riprodurre il suono brillantemente in tutta la tua casa.

Pro

  • Molti servizi di streaming
  • Multiroom Sonos efficiente
  • Finiture di qualità

Contro

  • Niente Bluetooth
  • Nessun ingresso ausiliario

3. Sonos Era 300

Lo speaker Sonos Era 300 rappresenta un’importante evoluzione nella gamma di prodotti del marchio. Se Sonos si è già affermato nel settore dell’audio surround con le sue soundbar, fino a questo momento nessuno dei suoi altoparlanti Wi-Fi era in grado di riprodurre un suono diverso da quello stereo. L’Era 300 rompe questa tradizione e supporta Dolby Atmos, offrendo un coinvolgente audio tridimensionale.

Il Sonos Era 300 è dotato di un controller Wi-Fi (standard Wi-Fi 6) e, come l’Era 100, dispone anche di un ricevitore Bluetooth per ascoltare la musica senza connessione alla rete domestica. L’associazione avviene premendo un piccolo pulsante sul retro dell’altoparlante.

Come l’Era 100, l’Era 300 è dotato di una porta USB-C che consente di collegare sorgenti audio analogiche e cuffie direttamente all’altoparlante.

Come tutti gli altoparlanti Sonos, l’Era 300 può essere utilizzato singolarmente o in combinazione con altri modelli della gamma, sia come parte di un sistema multiroom che di un home cinema. Ad esempio, è possibile creare un impianto stereo combinando due Sonos Era 300, eventualmente affiancati da un subwoofer Sonos Sub.

Per installare il Sonos Era 300, è necessario disporre di un iPhone, iPad, smartphone o tablet Android. È l’applicazione Sonos a gestire la connessione dell’altoparlante alla rete domestica e a consentire la regolazione dei vari parametri. L’utente viene guidato durante tutto il processo di installazione, che richiede solo pochi istanti.

Viene quindi proposta la calibrazione acustica per adattare il funzionamento dell’altoparlante alle caratteristiche della stanza.

Un punto di forza dell’ecosistema Sonos è il suo eccellente supporto per i servizi musicali. Gli utenti possono aggiungere i propri abbonamenti direttamente all’app Sonos, consentendo loro di cercare brani su tutti i servizi di streaming musicale e anche su un server audio locale (DLNA o Plex).

La vera sorpresa del Sonos Era 300 è il supporto per Dolby Atmos. Va ricordato che questo formato audio multicanale è offerto da tre servizi di streaming: Amazon Music, Apple Music e Tidal (con l’abbonamento HiFi Plus).

Il funzionamento acustico del Sonos Era 300 è particolarmente sofisticato e totalmente diverso dagli altri altoparlanti Wi-Fi del marchio, ma più simile a quello delle sue soundbar. Sonos utilizza la tecnologia beamforming per proiettare raggi sonori intorno all’ascoltatore. In pratica, la direzione di propagazione di determinati suoni viene modificata per “ingannare” l’orecchio umano e creare l’illusione di un diverso posizionamento nello spazio, cosa che sarebbe impossibile ottenere con una diffusione frontale tradizionale. Questo è particolarmente interessante per la riproduzione in Dolby Atmos.

Dolby Atmos offre un’esperienza coinvolgente in cui l’ascoltatore è avvolto da un’atmosfera sonora tridimensionale, con suoni posizionati dietro di lui. Sebbene il suono non provenga direttamente dal soffitto come al cinema, l’effetto è estremamente apprezzabile.

L’app Sonos offre numerose funzionalità, tra cui la modalità loudness e un potente equalizzatore per la correzione dei bassi e degli acuti. Inoltre, è possibile regolare verticalmente l’intensità del suono su 20 livelli. Tuttavia, è importante notare che questa regolazione non è attiva durante la riproduzione di brani stereo.

Per godere appieno dell’audio coinvolgente di questo diffusore, è consigliabile posizionarlo di fronte all’ascoltatore. Di conseguenza, è più comune installare il Sonos Era 300 in ambienti come il soggiorno, la camera da letto o l’ufficio, a una distanza di almeno 2 metri dal punto di ascolto. Utilizzare il diffusore in una piccola cucina o in un bagno offre scarso interesse, e per tali applicazioni il Sonos Era 100 è l’opzione ideale. Inoltre, è importante evitare di collocare il Sonos Era 300 tra oggetti o sotto uno scaffale, poiché ciò influirebbe inevitabilmente sulla resa tridimensionale del suono.

Pro

  • Suono bilanciato e versatile
  • Surround convincente e rendering Atmos
  • Ricchezza e semplicità dell’ecosistema
  • Qualità del microfono

Contro

  • Connettori spartani
  • Non compatibile con Chromecast
  • Gli alti potrebbero essere migliori

4. Denon Home 150

Denon HOME150, Diffusore compatto multiroom, con Bluetooth, HEOS e Alexa integrata, Nero
  • Diffusore wireless HEOS Built-in
  • Dimensione compatta
  • adatto a qualsiasi ambiente

Facile da configurare, compatto e dotato di un suono convincente, il Denon Home 150 rappresenta una scelta eccellente per molti, nonostante alcune limitazioni che sono comuni in questa fascia di prezzo, come l’assenza di diffusione a 360° e alcune mancanze ergonomiche.

Il marchio giapponese sta progressivamente abbandonando la sua gamma HEOS per focalizzarsi sulla nuova linea Home. L’altoparlante multiroom Denon Home 150 inaugura questa nuova generazione che unisce elementi moderni e tradizionali.

L’aspetto del Denon Home 150 sembra essere ispirato al Sonos One. Con un design simile, l’Home 150 presenta una forma squadrata con bordi arrotondati. Un tessuto acustico avvolge il diffusore, conferendo un aspetto sobrio. Le dimensioni rimangono compatte: 187 x 120 x 120 mm per un peso di 1,7 kg.

Le opzioni di connessione sono molto più estese rispetto al suo concorrente: Ethernet RJ45, USB, jack da 3.5 mm. È un set di connessioni piuttosto completo, soprattutto considerando la presenza del Bluetooth insieme al classico Wi-Fi.

Sul lato superiore dell’altoparlante sono presenti diversi controlli touch.

Denon non ha apportato molti miglioramenti alla sua app dedicata al multiroom, e ciò può dare un’impressione di austerità. Tuttavia, l’utilizzo è semplice. La gestione dei gruppi multiroom è particolarmente intuitiva grazie al sistema drag and drop. La maggior parte dei servizi di streaming è supportata, tranne Qobuz e Apple Music. Tuttavia, in quest’ultimo caso, è possibile utilizzare AirPlay 2.

Indubbiamente, Denon dimostra la sua competenza con l’Home 150, offrendo un suono di alta qualità per la sua fascia di prezzo. Se si può prescindere dal suono a 360° come nel caso del Sonos One, l’altoparlante multiroom di Denon si avvicina alla qualità Hi-Fi. È caratterizzato da un bilanciamento eccellente, precisione e dettaglio. Tuttavia, i bassi mancano di controllo e gli alti risultano un po’ troppo morbidi. L’ideale è optare per una configurazione in coppia per godere di un’ottima qualità stereo.

Pro

  • Suono molto convincente e non affaticante
  • Ingresso Bluetooth, Ethernet e AUX
  • Configurazione stereo e multiroom perfettamente gestita
  • Ottima qualità costruttiva

Contro

  • Nessuna trasmissione a 360°
  • Nessun input digitale o compatibilità con Chromecast
  • Importante latenza in Bluetooth

5. Naim Mu-So 2

Naim Mu-So 2
  • Processore di segnale digitale multi-core
  • Supporto multisala
  • Uscita amplificatore 450W - (6 x 75W)

Il rivoluzionario altoparlante Mu-So è stato sottoposto a una significativa trasformazione, mantenendo però la sua eccellenza ineguagliabile. Naim ha dimostrato di mantenere la promessa di migliorare il proprio sistema di altoparlanti all-in-one, avvalendosi della preziosa collaborazione con Focal per i diffusori.

Il celebre altoparlante Mu-So ha ricevuto una gradita rinnovazione. Sebbene l’aspetto esteriore non sia cambiato, il suo interno ha subito un completo restyling, trasformando il Naim Mu-So 2 in un degno successore di una prima generazione già quasi perfetta.

A prima vista può risultare difficile distinguere tra il Mu-So e il Mu-So 2. Il nuovo arrivato ha le medesime dimensioni del suo predecessore, risultando quindi imponente. La rotella di controllo touch è stata leggermente migliorata, dotandola ora di un sensore di prossimità. Anche la griglia in tessuto ha beneficiato di materiali più efficienti per la diffusione del suono. Tuttavia, è soprattutto sul fronte delle connessioni che il marchio inglese si fa notare: è presente una presa jack da 3,5 mm, una presa ottica, una porta USB, una porta Ethernet RJ 45 e persino una porta HDMI ARC. Naturalmente, sono inclusi anche il Wi-Fi a 5 GHz e il Bluetooth. All’interno della confezione è inoltre presente un telecomando.

La configurazione del Mu-So 2 è un gioco da ragazzi grazie all’app dedicata di Naim. Questa applicazione offre accesso ai servizi di streaming di Spotify e Tidal, oltre a migliaia di web radio. Per altri servizi musicali, è possibile utilizzare AirPlay2 o il protocollo Cast di Google. È presente anche il supporto UPnP per trasmettere la tua musica dal tuo NAS, PC o smartphone. Naturalmente, l’applicazione consente anche la gestione di altri dispositivi multiroom del marchio, consentendo la creazione di gruppi o coppie stereo.

Progettato in collaborazione con Focal, il Naim Mu-So 2 offre un suono straordinario. I suoi sei driver garantiscono un’esperienza sonora semplicemente eccellente, nonostante il palcoscenico sonoro risulti leggermente limitato in ampiezza. Tuttavia, l’altoparlante inglese ha l’opzione di fungere da soundbar grazie alla presenza dei connettori HDMI ARC. Pur non essendo la sua funzione principale, è un’opzione utile da considerare nel caso in cui non si disponga di un impianto audio dedicato per la TV.

Pro

  • Suono ricco, chiaro e neutro
  • Connettività illimitata
  • Multiroom

Contro

  • Leggera mancanza di estensione nei bassi
  • La dinamica potrebbe essere più nitida

Come scegliere il tuo diffusore multiroom?

Quale marca dovrei scegliere per il mio altoparlante multiroom?

Scegliere la marca giusta per un sistema di diffusori multiroom richiede una valutazione attenta e ponderata. Questo aspetto riveste un’importanza particolare, poiché la maggior parte dei produttori offre un’interoperabilità limitata o addirittura inesistente con dispositivi di altre marche.

Ad esempio, un sistema Bose si integra al meglio con diffusori Bose, limitando così le possibilità di sfruttare appieno un diffusore Sonos all’interno di un’impostazione Bose. Inoltre, sebbene sia un evento raro, alcuni marchi richiedono l’acquisto di un hub centrale che svolge un ruolo essenziale nel collegamento dei diffusori della stessa marca e nell’estensione del suono in tutta la casa.

È quindi fondamentale comprendere che l’acquisto di dispositivi di una determinata marca implica un impegno a lungo termine nei confronti del marchio e dei suoi servizi. Gli utenti Sonos hanno vissuto in prima persona questa realtà quando il marchio, tanto rinomato, ha interrotto gli aggiornamenti e l’accesso ai suoi servizi più vecchi, lasciando così molti possessori di altoparlanti più datati ma ancora funzionanti in una situazione scomoda.

Pertanto, la scelta della marca del sistema multiroom deve essere fatta con attenzione, valutando non solo la qualità e le funzionalità offerte, ma anche la sostenibilità a lungo termine del marchio e la sua volontà di supportare i prodotti più vecchi nel tempo. Una decisione oculata garantirà un’esperienza soddisfacente e duratura nel campo dell’audio multiroom.

Quali connessioni dovrebbero essere privilegiate in un diffusore multi-room?

Quando si valuta un diffusore multiroom, è importante considerare le connessioni che offre. Questi diffusori si distinguono per la loro versatilità e, a differenza dei modelli con assistenti vocali che spesso presentano limitazioni nella connettività, i diffusori multiroom offrono una vasta gamma di opzioni per soddisfare tutte le esigenze.

Come connessione di base, è indispensabile il Wi-Fi, che consente di collegare facilmente gli altoparlanti nella tua casa. Inoltre, la maggior parte dei modelli include anche il Bluetooth, che consente di creare coppie stereo nei modelli di livello base. Per coloro che preferiscono connessioni cablate, molti produttori offrono porte RJ45 per l’Ethernet.

Spesso sono presenti anche connettori ausiliari come jack da 3,5 mm e connettori ottici. Questi permettono di collegare dispositivi audio come un DAC, un lettore musicale o persino una televisione all’altoparlante. Se hai intenzione di utilizzare un diffusore multiroom in un sistema home cinema, è opportuno privilegiare i connettori ausiliari.

Inoltre, è importante considerare i protocolli supportati. Ad esempio, Apple AirPlay 2 e Google Cast consentono l’utilizzo di dispositivi di diversi produttori. Tuttavia, va notato che queste funzionalità non sono ampiamente utilizzate. Se disponi di un NAS (Network Attached Storage), potrai accedervi tramite i protocolli UPnP e DLNA.

Prendendo in considerazione queste diverse opzioni di connessione, potrai scegliere un diffusore multiroom che si adatti alle tue esigenze specifiche e ti offra la flessibilità necessaria per godere appieno dell’esperienza audio all’interno della tua casa.

Quali servizi di streaming sono supportati da un altoparlante multiroom?

Grazie alla connessione Wi-Fi integrata e all’applicazione dedicata, gli altoparlanti multiroom offrono l’accesso a una vasta gamma di servizi di streaming. Tuttavia, è importante notare che l’offerta di servizi può variare significativamente da un produttore all’altro.

In generale, i servizi di streaming più comuni includono il rinomato Spotify, che rappresenta un’opzione essenziale per lo streaming audio. Spesso, agli altoparlanti multiroom sono associati anche servizi di web radio. Inoltre, è possibile trovare servizi come Tidal, Deezer o Qobuz. Apple Music è meno diffuso, il che può rappresentare un’opzione limitata per gli utenti Apple. Se sei abbonato a una di queste piattaforme, è importante verificare che il tuo altoparlante e la sua applicazione dedicata supportino il servizio di tuo interesse.

In alternativa, è possibile riprodurre contenuti dal tuo PC o smartphone utilizzando i protocolli DLNA, UPnP, AirPlay o Cast. Tuttavia, è fondamentale assicurarsi che il diffusore multiroom che stai considerando sia compatibile con la tua attrezzatura attuale, al fine di garantire una connessione fluida e un’esperienza di ascolto ottimale.

Dj-pro.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it